Il B.U.C.O.

Il b.u.c.o. è uno spazio ricavato sotto un’arcata del ponte di via Stalingrado (lato fiera) nel quartiere San Donato a Bologna. Nomadi per nove anni, nel 2007 l’associazione Oltre… ha preso in affitto questo luogo e aperto un “cantiere di auto-costruzione”: con l’aiuto di tanti volontari oggi è uno spazio autonomo e sede operativa dell’associazione.

Nel 2008 il progetto “La bellezza ci salverà” sostenuto dal quartiere San Donato ha coinvolto giovani apprendisti per creare un mosaico posto sulla facciata esterna del b.u.c.o.. Due anni dopo “en passant” l’artista brasiliano André Lima (DECO 6) ci ha regalato un graffito che ha completato la facciata seguendo i suggerimenti del mosaico.

Il b.u.c.o. è ufficio-luogo di incontri e discussioni-spazio polivalente per arti, mestieri e realtà che si esibiscono/si mischiano/rischiano…!

Siamo sempre in cammino _ da buco a_ B.U.C.O. ossia BolognaUnaCittàOltre…

Nel 2012 è stato avviato Z.a.g.o., zona agricola giardino orto, un progetto di verdificazione partecipata per riqualificare l’area antistante al b.u.c.o. Se negli anni le attività istituzionali hanno avuto modo di svilupparsi e crescere all’interno della struttura, la zona antistante (che va dalla scalinata del ponte di Via Stalingrado fino al muro di separazione con la ferrovia) è un non-luogo parzialmente degradato. Nonostante la presenza costante dell’Associazione sul territorio che ha fatto sì che gli episodi di microcriminalità diminuissero, comunque non c’è stato un calo significativo degli stessi e la risoluzione del problema di degrado.

Il progetto, realizzato in collaborazione con TrameUrbane, Lhub e GreenEverywhere, è un work in progress che prevede la trasformazione dello spazio che va dalla scalinata del ponte di Via Stalingrado fino al muro di separazione con la ferrovia in un’isola green diventando un’area di socializzazione e aggregazione, un punto di riferimento artistico e verde del quartiere.

Progetto Z.a.g.o.